Forum Ludus Bergomensis

Forum Ludus Bergomensis
[ Home | Registrati | Discussioni Attive | Discussioni Recenti | Segnalibro | Msg privati | Sondaggi Attivi | Utenti | Download | Cerca | FAQ ]
Nome Utente:
Password:
Salva Password
Password Dimenticata?

 Tutti i Forum
 Recensioni
 Musica
 April Rain - Delain
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
I seguenti utenti stanno leggendo questo Forum Qui c'è:
Autore Discussione  

Katta
Lvl 2


Prov.: Bergamo
Città: Città Fortificata di Bergamo


529 Messaggi

Inserito il - 05/06/2010 : 11:28:39  Mostra Profilo Invia a Katta un Messaggio Privato  Rispondi Quotando
Qualche mese fa ho recensito con piacere il primo CD di un gruppo heavy metal decisamente promettente – Lucidity dei Delain- ma quello che non sapevo è che era appena uscito anche un nuovo album… album che mi sono procurato senza indugio non appena venuto a conoscenza della mia mancanza!
Questa volta i DELAIN riprovano a conquistare il mio sensibile apparato musicale con un album intitolato APRIL RAIN. Ce la faranno in questo arduo compito?


I DELAIN DEL 2009:

I Delain sono un gruppo olandese che ha raccolto ex appartenenti di altri famosi gruppi come i Within Temptation o i To Elysium per creare musica simile ai gruppi di provenienza, ma allo stesso tempo staccandosi e facendosi originali.
Come dicevo sopra, i Delain sono classificati nel genere Metal ( e non Pop/Rock come ha classificato Ciao), ma per darvi un’idea più vicina del loro genere, esso si fa simile a quello cantato dai famosissimi Evanescence o dai meno famosi, ma migliori NightWish.
Il gruppo è composto sempre da una bella quantità di elementi che ricoprono ogni ruolo disponibile: Charlotte Wessels è la cantante, Martijin Westerholt il tastierista, Ronald Landa chitarrista e seconda voce, Rob Van Der Loo bassista, Sander Zoer batterista.
A questo già nutrito gruppo di persone si aggiunge qualche ospite…. Nulla di paragonabile al primo album dove erano presenti oltre una decina di artisti provenienti da altrettanti gruppi differenti, però è importante far notare che il più famoso di tutti è rimasto: Marco Hietala, chitarrista e seconda voce dei NightWish, una vera istituzione!!


IL CD DI APRIL RAIN:

APRIL RAIN credo che voglia essere l’album con il quale i Delain ora cercano di spiccare il volo da soli senza esagerati aiuti esterni e quindi possiamo anche ritenerlo come il loro primo vero e proprio album.
Il CD esiste in una forma classica oppure nella versione Limited Edition e quest’ultima si differenzia per 3 singole cose rispetto alla versione standard: costa 19,50€ invece di 18,50€ e quindi un solo euro differenza (e ciò è bene… anche se ovviamente varia da negozio a negozio o da sito a sito), è in una confezione di cartone invece della solita di plastica dura (e ciò è male visto che si rovina molto più facilmente) e, infine, possiede una traccia esclusiva bonus (e ciò è ovviamente bene! ;-) ).
Tracciata la distinzione, come è stato costituito questo album? La confezione si apre con una parte a destra ed una a sinistra lasciando il CD al centro di una fantasiosa e visivamente intrigante esplosione di inchiostro nero dentro una mare di acqua bianca. Il disco stesso mostra i filamenti dell’inchiostro sopra di sé dando una bella impressione. Il libretto dei testi è contenuto invece in una “tasca” all’interno della parte destra e si distingue dai soliti libretti per via di una carta decisamente più ruvida (oltre al solito tema dell’inchiostro) e per la bella impostazione.

La tracklist è la seguente:
1- April Rain
2- Stay Forever
3- Invidia
4- Control the Storm
5- On the other Side
6- Virtue and Vice
7- Go Away
8- Start Swimming
9- Lost
10- I’ll Reach You
11- Nothing Left
12- Come Closer (traccia bonus)

Questa volta niente video divertenti come in Lucidity, ma vedremo di accontentarci anche con la sola musica ;-)
Ah, il CD è edito dalla RoadRunner Records!


LE CANZONI DI APRIL RAIN:

Chiedo subito scusa se non riuscirò a rendere perfettamente il valore di ogni canzone, ma, come ben si sa, è difficile comprendere bene la musica e renderla a parole !

Si parte subito con il pezzo forte dell’album visto che April Rain è anche il titolo che dà il nome all’intera composizione dei Delain. La traccia immerge fin da subito l’ascoltatore in un universo musicale grintoso e fatto di chitarre elettriche e batteria, ma allo stesso tempo più pacato di quello che potrebbe sembrare. Charlotte dà immediatamente una bellissima prova della sua splendida voce chiarissima e priva di qualunque stonatura. C’è inoltre una limpidezza sia nella voce che nell’apparato musicale che sarà una costante dell’album (cosa che approvo!). Voto: 5 stelline.
Stay Forever, la seconda traccia, ci fa intuire qualche sfumatura di Evanescence visto che il ritornello (molto spaziale e con una voce che fa da sottofondo a quella principale di Charlotte) mi ricorda molto il loro stile “evanescente” giusto per stare in tema :-D Comunque il resto del pezzo è suddiviso tra momenti di tranquillità conditi dal piano e dalla voce di Charlotte e da altri con le chitarre elettriche e la voce che si trasforma assumendo un tono più consistente. Voto: 4 stelline.

Inizio apparentemente tranquillo per Invidia, ma dopo pochi secondi ecco che tutto si scatena in energia dove ancora una volta Chrlotte viene affiancata da un coro di sottofondo (penso che sia ancora la sua voce moltiplicata, ma è solo una mia supposizione). Anche qui si percepisce una vaga influenza by Evanescence anche se il ritornello è decisamente la parte migliore. Voto: 4 stelline.
Anche Control the Storm illude partendo con calma, ma, come è impossibile tenere controllata la tempesta del titolo, anche la canzone ben presto si avvia su note più forti e questa volta insieme alla voce di Charlotte si affiancherà quella possente di Marco Hietala in un duetto/ritornello niente male, anche se il resto della canzone rimane un po’ troppo semplice. Voto: 3 ½ stelline.

Particolarissima la Quinta traccia, On the Other Side, visto che stavolta l’impressione di pacatezza permane in tutto il pezzo, cosa che viene accentuata dalla presenza in combinazione del piano e del violoncello (usato in maniera molto d’effetto). Voto: 4 stelline.
Virtue and Vice pare somigliante ad alcuni pezzi già sentiti, ma contemporaneamente si solleva da essi grazie ad un ritornello davvero bello che mischia la voce di Charlotte alla potenza della chitarra elettrica. Presenza anche di un breve pezzo in growl, ma per fortuna non rovina la traccia. Voto: 4 stelline.

Se finora le tracce generalmente erano cominciate con calma per poi ingranare la marcia, Go Away comincia già a mille con una batteria che ci dà dentro alla grande insieme alla tastiera che riesce a donare toni epici. Charlotte se la cava ancora alla grande. Voto: 4 stelline.
Tranquilla anche la traccia di Start Swimming, ma questo non toglie che questo pezzo si mostri come uno dei più convincenti con un bel ritornello e con una varietà di strumenti utilizzati oltre ai soliti. Il meglio lo si ha però verso il finale quando la voce di Chalotte si fa all’improvviso più carica e le note vengono trascinate dalla sua bellissima tonalità! Voto: 4 ½ stelline.

Evanescente è anche la traccia numero 9, Lost, però qua gli Evanescence non centrano nulla perché il pezzo è originalissimo e, anzi,appare decisamente come uno dei più apprezzati dal sottoscritto. La voce di Charlotte si distorce e si allunga verso l’infinito come la stessa base musicale che appare molto spaziale (anche se di uno spaziale risoluto ;-) ). Voto: 4 ½ stelline
I’ll Reach You è una nuova traccia che mischia momenti di tranquillità ad un ritornello grintoso, ma a conti fatti non è che dica più di tanto in quanto ad originalità. Voto: 3 stelline.

Anche Nothing Left appare al primo ascolto un po’ mediocre, però l’intervento di Marco Hietala e, successivamente, un tono più particolare con l’utilizzo di trombe rende il tutto più gradevole. Voto: 4 stelline
La bonus track, Come Closer, assume ancora una volta un tono tranquillo, ma, come per Lost, anche qui i toni si fanno eterei e spaziali facendo fluttuare nell’aria l’ascoltatore. Un pezzo che vale come bonus. Voto: 4 stelline.


L’EVANESCENTE PARERE FINALE DEL KATTA AD APRIL RAIN:

Dunque, che ve ne pare di questi Delain?
Io li apprezzo sempre di più e dopo la sorpresa fattami con Lucidity, anche APRIL RAIN si mostra come un album di tutto rispetto, forse un po’ indirizzato verso i toni degli Evanescence, ma che riesce comunque a spiccare in originalità quasi sempre.
Alla fin dei conti Charlotte e compagni possono piacere (ovviamente musicalmente parlando ;-P ) a coloro che cercano canzoni dai toni grintosi e che si avvicinino al genere metal, ma che non eccedano causando un fracasso infernale che certi altri folli gruppi sono in grado di fare. Il suono è pulitissimo e sia gli strumenti musicali sia la voce si possono sentire limpidamente senza che si crei confusione.
Quindi, se siete appassionati del genere in cui capeggiano gli Evanescence e siete oramai a digiuno di album del genere, i Delain con APRIL RAIN saranno un’ottima sostituzione.
Voto 4 stelline e confido in una bella carriera per questo gruppo che mostra già dei validissimi pregi :-D

PS: se volete farvi un’idea delle capacità dei Delain, visitate il loro sito che è ricco di video sulle loro canzoni più interessanti di APRIL RAIN e Lucidity.

"Winter is Coming!"
Motto della casata Stark.

Komandante Templare della Città Fortificata di Bergamo

Kompagno Komandante della Prima Compagnia dei Dragoni Rossi Khadoriani

Sommo allenatore della squadra di BloodBowl vincitrice della Dungeon Bowl, i Katsuto no Team
  Discussione  
 Nuova Discussione  Rispondi
 Versione Stampabile Bookmark this Topic Aggiungi Segnalibro
Vai a:
Forum Ludus Bergomensis © 2000-02 Snitz Communications Torna all'inizio della Pagina
Herniasurgery.it | Snitz.it | Snitz Forums 2000